Carcerati italiani all estero: assistenza legale penale

avvocato genocidio

Italiani all estero, avvocato italiano: Spagna Francia Colombia Messico Costa Rica Repubblica Dominicana Stati Uniti Ecuador Perù El Salvador Guatemala Honduras Nicaragua Panama Belize Cile Brasile Marocco Algeria Tunisia Canada Regno Unito Inghilterra Regno Unito Germania Austria Belgio Bulgaria Cipro Croazia Danimarca Estonia Finlandia Grecia Ungheria Irlanda Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Repubblica Ceca Romania Svezia

Le difficoltà sono così tante e riguardano tutte le fasi del procedimento che normalmente portano alla detenzione. La fase più critica è quella dell arresto, ci sono molti problemi con la mancanza di comprensione della lingua locale e, di conseguenza, la mancanza di comprensione delle difese e delle possibilità difensive. La fase di arresto è uno dei momenti più critici in qualsiasi procedimento penale, affrontandolo anche con difficoltà nel comunicare con le autorità, la polizia e il suo difensore possono portare a conseguenze disastrose.

Molto spesso accade che gli arrestati confessino per reati che non hanno commesso o, in ogni caso, confessioni inutili perché sono convinti che una volta firmati, saranno rilasciati. La prima cosa che dobbiamo fare è contattare l autorità consolare o l ambasciata di riferimento per verificare che siano stati rispettati almeno i diritti fondamentali.

I diritti umani riguarda ai detenuti?

Esistono molte convenzioni per la protezione dei diritti umani e dei trattati bilaterali. Spesso le persone godono della Convenzione di Strasburgo per l esecuzione della pena in Italia.

studio legale italiano francia

La protezione dei diritti umani è una questione spinosa. E molte volte affrontiamo situazioni in cui lo stato rispetta formalmente gli accordi ma nella sostanza no. Per esempio, torniamo al problema dell interprete: tutte le convenzioni prevedono che l esercizio della difesa sia pieno e la comprensione delle accuse è ovviamente un fattore decisivo.

Se un compagno viene arrestato in un paese straniero e non comprende la lingua locale, non gli viene sempre dato un interprete e, anche quando è reso disponibile, spesso non ha le competenze legali necessarie per tradurre correttamente.

Nessuna assistenza legale o sanitaria. Molto spesso, al momento dell arresto, non ci sono strumenti di assistenza, con il risultato che i detenuti all estero non ricevono, se ne hanno bisogno, cure mediche o un adeguata difesa legale. Il governo italiano non prevede l istituto "sponsorizzazione gratuita" e l aiuto che potrebbe (dovrebbe) essere concesso dai consolati italiani in tutto il mondo è facoltativo. Tutto ciò si traduce in drammatiche condizioni di detenzione e una protezione legale debole, se non inesistente, che spesso implica condanne ingiuste. Senza parlare delle famiglie dei detenuti, che stanno affrontando enormi problemi solo con le proprie forze.

Ci sono quelli che finiscono in prigione per le proprie responsabilità. Ma ci sono anche quelli che sono vittime dell ingiustizia. In ogni caso, innocenti o colpevoli, dovrebbero avere diritto a un processo equo e alla detenzione che rispetti pienamente i diritti umani. Sfortunatamente, questo non è sempre il caso.

Infatti, in molti paesi del mondo, vengono negati anche i diritti più elementari sanciti dalle convenzioni internazionali e molte volte l assistenza di un avvocato o di un interprete non viene nemmeno presa in considerazione.

avvocato reato lavoro in nero

Soprattutto nelle prime ore dello stop, i più importanti e delicati, dove molto spesso i documenti vengono firmati da contenuti incomprensibili. E poi ci sono tutte quelle difficoltà dovute alla distanza dalla tua terra e dalla diversità culturale.

I condannati, secondo la "Convenzione di Strasburgo" del 1983 e secondo vari "Accordi bilaterali" firmati tra l Italia e altri stati, dovrebbero pagare le loro pene nelle carceri italiani. Ma queste convenzioni non sono sempre rispettate. E qui, la diplomazia dovrebbe entrare in gioco.

La famiglia ha difficoltà a interagire con gli avvocati e, d altra parte, l ambasciata non è stimolata dalla famiglia a essere proattiva: se hai bisogno di capire la situazione, hai bisogno di un sacco di soldi. Per fare questo ho fatto molti debiti.

Ma le difficoltà non riguardano solo i familiari, ma gli avvocati spesso non sanno come affrontare le situazioni giuridiche più controverse in paesi in cui la legge non è applicata come in Italia: i gradi di giudizio sono diversi ed è difficile controllare la legge gestito da avvocati locali remoti. I consolati non hanno nemmeno la forza economica per essere presenti nelle carceri, spesso situati lontano dai consolati.

Che cosa dice il codice penale se un crimine è stato commesso all’estero?

avvocato reati di pericolo

Uno straniero che, al di fuori dei casi di cui agli articoli 7 e 8, commette un reato nel territorio di un paese straniero, a danno dello Stato o di un cittadino, per il quale la legge italiana stabilisce [la pena di morte o la pena di morte; la reclusione non inferiore ad un minimo di un anno, è punita secondo la stessa legge, a condizione che si trovi nel territorio dello Stato, e vi è una richiesta del Ministro della giustizia, o una parte lesa o richiesta.

Se il reato è commesso a danno delle Comunità europee, di stranieri o di stranieri, l autore del reato è punito secondo la legge italiana su richiesta del Ministro della giustizia, a condizione che:

1) si trova nel territorio dello Stato;

2) è un crimine per il quale è stabilita la pena di morte o l imprigionamento non inferiore a tre anni;

3) la sua estradizione non è stata concessa, o non è stata accettata dal governo dello Stato in cui ha commesso il reato, o dallo Stato di cui è membro del reato.

Se il reato è commesso a danno delle Comunità europee, di stranieri o di stranieri, l autore del reato è punito secondo la legge italiana su richiesta del Ministro della giustizia, a condizione che:

1) si trova nel territorio dello Stato;

2) è un crimine per il quale è stabilita la pena di morte o l imprigionamento non inferiore a tre anni;

3) la sua estradizione non è stata concessa, o non è stata accettata dal governo dello Stato in cui ha commesso il reato, o dallo Stato di cui è membro del reato.

© 2018 avvocatostupefacenti.com. All Rights Reserved. Designed By avvocatostupefacenti.com

Please publish modules in offcanvas position.